D’Alema: «L’alleanza Pd-Di Pietro? Non dovete chiedere a me…»

FIRENZE – Perché il Pd ha scelto Di Pietro come alleato? «Questa risposta la lasciamo all’interlocutore che verrà qui tra qualche giorno». È tranchant l’ex ministro Massimo D’Alema nel rispondere a una domanda di Giovanni Floris alla Festa nazionale del Pd a Firenze sui motivi che hanno spinto il Pd a scegliere l’ex pm di Mani Pulite come alleato.
CITAZIONE INDIRETTA – D’Alema non cita direttamente il segretario del Pd, Walter Veltroni. Ma è lui «l’interlocutore» che sarà ospite tra qualche giorno, sabato per la precisione, alla kermesse democratica. Per far comprendere i rapporti – non proprio amichevoli, a quanto pare – che intercorrono tra lui e il leader dell’italia dei Valori, D’Alema ha citato un episodio di qualche anno fa quando a Gallipoli presentò la sua candidatura nel collegio elettorale senza gareggiare nel proporzionale. «Rifondazione non presentò candidati e fu un atto che io apprezzai; anche D’Antoni decise di non presentarli – ricorda D’alema – solo Di Pietro presentò una candidatura, un ex funzionario del nostro partito con l’evidente scopo di sottrarre voti decisivi». La conclusione di D’Alema è inequivocabile: «Io non porto rancore verso nessuno, ma sono quei momenti in cui ti fai un’idea di chi hai di fronte. Lo dico serenamente perché me la cavai da solo».
D’Alema: «L’alleanza Pd-Di Pietro? Non dovete chiedere a me…»ultima modifica: 2008-09-04T10:00:38+02:00da bruno841
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento